Resoconto 1° Gara CIVF

stagione 2023

Ben 32 piloti si sono dati appuntamento sul mitico tracciato del crossodromo Ciglione della Malpensa “Vincenzo Agusta” di Cardano al Campo (VA) per la prima prova del Campionato Italiano Velocità Fuoristrada by FIF 2023. La storica pista, gestita dal Moto Club MV Gallarate, si è presentata con un layout completamente rinnovato che i piloti hanno molto apprezzato.

Quest'anno il regolamento del CIVF prevede un'importante novità nell’attribuzione del titolo, che è stato separato per il CIVF “classico” e per la categoria TM, pertanto saranno designati due vincitori assoluti. Tale separazione si è resa necessaria a causa dello strapotere dimostrato negli anni scorsi dai veicoli TM (meglio conosciuti come ATV o Side by Side) rispetto alle classiche auto.

La gara d'apertura è stata “tirata” e ricca di sorprese come solo il CIVF sa fare. I piloti scesi in campo non si sono risparmiati mandando in scena uno spettacolo degno di questo sport. A goderne è stato il numeroso pubblico presente. A dimostrazione della durezza dalla competizione, su 32 piloti iscritti sono stati 19 i classificati. Ma vediamo com'è andata in ogni categoria.

In Gruppo N esordio dell’equipaggio Gazzetta-Foglia (Suzuki Jimny), che ha dimostrato come ci si possa divertire anche con una vettura strettamente di serie.

In Gruppo A da segnalare il rientro di un pilota molto amato nel circus, quel Claudio Labruzzo (Suzuki Samurai 1.3 T) che da 12 anni non si vedeva ma che di sicuro non si è dimenticato come si corre, visto che ha dato del filo da torcere  all’amato rivale Luca Righelli (Suzuki Sierra), il quale ha vinto la classe con soli 42 secondi di distacco accumulati nel corso delle 5 prove speciali.

In Gruppo TM il campione italiano in carica Vittorio Gonella (Polaris RZR Xpro) si è dimostrato ancora in gran forma andando a vincere 4 prove su 5. Un plauso va a Luca Pagani (Polaris RZR Xpro), l’unico che sia riuscito, nella seconda prova, a strappare la vittoria al campione. Sul gradino più basso del podio troviamo Claudio Esposto (Polaris RS1), che con un mezzo aspirato è quasi riuscito a tenere il passo dei due di testa.

Prova sfortunata per l’ex campione italiano Duilio Lonardi il quale, a causa di un problema al motore del suo Can Am Maverick, ha dovuto condividere con Bertolani-Fontanini il loro Can Am, ma problemi di sterzo e a una ruota posteriore gli hanno fatto prendere due penalizzazioni pesanti.

Veniamo ora al Gruppo B. In Classe B1 successo di Gazzetta-Cortese (Ford Sierra Cosworth) che ha preceduto il rientrante Alessandro Bianchi (Suzuki). Giornata no per Riccardo Bottaro (Suzuki) che, oltre ad aver compiuto un giro in più nella prima prova, è stato poi costretto al ritiro per la rottura di un triangolo anteriore. Ritiri anche per Renato Moscati (Alfa Romeo Matta), che nella prima prova ha visto andare a fuoco il suo prototipo motorizzato Ferrari, e per Peretto-Costa (Jeep Wrangler) che nello stesso giro si sono ribaltati rompendo lo sterzo.

In Classe B2 Ivan Milano (Mini Cooper TDI), anche lui al rientro, ha vinto prevalendo su Lanfranchini-Panizza (Jeep TD) a pieni giri. Terzo Renato Reggiani (Jeep TD) con notevole distacco per problemi meccanici. Gli esordienti Rodella-Lebole (Audi Mini TD) si sono ritirati durante la terza prova per la rottura della frizione. Abbandono anche per Marco Tonella (Panda TD) a causa di una rottura meccanica nel corso della quarta prova.

 

In Classe B3 dominio di Ivan Martorelli che si è inaspettatamente schierato alla partenza con il suo nuovo Proto Villa Polaris (al vaglio dei tecnici), passando dalla Classe TM3 appunto alla B3. Enrico Giudici (Suzuki SLR) ha cercato di contrastarlo lottando testa a testa per tutta la gara, ma alla fine si è dovuto accontentare della seconda piazza. Noie elettroniche per Ivano Nicoletta, terzo, che ha riportato in gara l’ultima sua creatura, la Fiat 500X, ancora con qualche problema di gioventù. Rientro sfortunato anche per Fabrizio Dal Monte, che si è dovuto ritirare per un guasto al suo nuovo prototipo Suzuki GSXR.

I veicoli della Classe B4 una volta erano le star incontrastate del CIVF: dettavano legge, sempre sopra le righe, sempre spettacolari e sempre nei primi posti assoluti. Da quest’anno, con la separazione delle classifiche, di certo torneranno prepotentemente a farsi sentire. Bellissima la lotta per il podio che ha visto il “Doctor” Stefano Fioroni (Suzuki W4) alla fine primo davanti ad uno sfortunato Emanuele Lagrotteria che nella quinta prova, per via di un problema agli ammortizzatori del suo nuovo proto RR Equivoque, non è riuscito a sferrare la zampata finale. Massimo “Mamo” Reggiani (Mini Cooper) non ha potuto lottare per il successo a causa di un problema che gli ha impedito di partire regolarmente allo start accumulando uno svantaggio di quasi un minuto, ed ha concluso terzo. Stefano Pavesi (Polaris Yamaha) è stato attardato dalla rottura dell'avantreno nella quarta prova. A Francesco Moscati (Mini Yamaha) il cambio dei motori non ha giovato, manifestando qualche problema di troppo. Ha molto da recriminare anche Riccardo Bottaro: un bullone del triangolo inferiore del suo proto Suzuki si è sfilato provocando la rottura dello sterzo.

Anche la Formula FIF, categoria “entry level” ottima per chi si vuole avvicinare al CIVF, ha visto dei cambiamenti regolamentari con la semplificazione delle classi, passate da cinque a tre. Lorenzo Vianello, forte dell’esperienza maturata nel corso dell’ultimo anno, ha messo il suo sigillo in questa gara di apertura precedendo nell'ordine Marzorati-Abinti e Greco-Inglese.

Classifica assoluta

  1. Martorelli Ivan Proto Villa B         39'25.29
  2. Giudici Enrico Suzuki SLR B         41'05.59
  3. Fioroni Stefano Suzuki W4 B         41'48.55
  4. Lagrotteria Emanuele RR Equivoque B         42'06.86
  5. Reggiani Massimo Mini Cooper B         43'29.87
  6. Gazzetta-Cortese Ford Sierra Cosworth B 44'15.09
  7. Righelli Luca Suzuki Sierra A         45'25.41
  8. Labruzzo Claudio Suzuki Samurai 1.3T A         46'07.72
  9. Milano Ivan Mini Cooper Tdi B         46'35.09
  10. Bianchi Alessandro Suzuki B         46'59.16

 

Gallery fotografica completa della gara

TORNA SU